In Europa accordo tra Parlamento e Consiglio, prefinanziamento Recovery

Ue: Il Parlamento e il Consiglio, raggiungono l’accordo per il prefinanziamento Recovery

Raggiunto l’accordo per la  percentuale del prefinanziamento agli Stati membri tra il Parlamento europeo e il Consiglio, che sarà del 13% sul meccanismo di recupero e resilienza (la Recovery and Resilience Facility). 

La Commissione europea ribadisce che il dispositivo di recupero e resilienza è lo strumento chiave al centro di Next Generation Eu, il piano dell’Unione europea per uscire dalla crisi attuale.

Saranno 672,5 miliardi di euro a disposizione per  prestiti e sovvenzioni e a sostegno delle riforme e degli investimenti intrapresi dagli Stati membri. L’accordo richiede l’approvazione finale da parte del Parlamento europeo e del Consiglio.

Il campo di applicazione riguarderà:  transizione verde; trasformazione digitale; crescita e posti di lavoro intelligenti, sostenibili e inclusivi; coesione sociale e territoriale; salute e resilienza; e politiche per la prossima generazione. L’obiettivo principale è quello di ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 rispetto al 1990.

E’ previsto che un minimo del 37% della spesa per investimenti e riforme contenute in ciascun piano nazionale di ripresa e resilienza dovrebbe sostenere gli obiettivi climatici. Inoltre, tutti gli investimenti e le riforme devono rispettare il principio “non danneggiare in modo significativo l’ambiente“. Oltre a ciò, un minimo del 20% della spesa per investimenti e riforme contenute in ogni piano nazionale dovrebbe sostenere la transizione digitale. I piani di ripresa e resilienza dovrebbero anche contribuire ad affrontare efficacemente le sfide individuate nelle pertinenti raccomandazioni specifiche per Paese nell’ambito del semestre europeo, il quadro per il coordinamento delle politiche economiche e sociali in tutta l’Unione.

Gli Stati membri dovranno proteggere gli interessi finanziari dell’Unione, in particolare per prevenire frodi, corruzione e conflitti di interesse. Il 13% dell’importo totale assegnato sarà messo a disposizione in prefinanziamento dopo l’approvazione dei piani di ripresa e resilienza. Per garantire che il denaro inizi a fluire il prima possibile per sostenere la nascente ripresa economica.

Il Parlamento europeo e il Consiglio devono quindi approvarlo formalmente affinché possa entrare in vigore il prima possibile. Gli Stati membri potranno, poi, presentare i propri piani di ripresa e resilienza, definendo un pacchetto coerente di riforme e progetti di investimento.

il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, nel ringraziare la Presidenza tedesca, ribadisce che: “Lo strumento di recupero e resilienza apre la strada alla ricostruzione e alla trasformazione dell’economia europea. Il Recovery and Resilience Facility apre la strada all’Europa non solo per ricostruire la sua economia dopo la pandemia, ma anche per trasformarla“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *