Settembre 27, 2023

Draghi: «Nell’Eurozona servono nuove regole e più sovranità condivisa»

all’economist

di Redazione Economia

 Draghi: «Nell’Eurozona servono nuove regole e più sovranità condivisa» Mario Draghi

Per rilanciare l’economia dell’eurozona occorrono «nuove regole e più sovranità condivisa». Lo ha affermato l’ex presidente della Bce ed ex presidente del Consiglio Mario Draghi in un’intervista pubblicata sul sito online dell’Economist. «Le strategie che nel passato hanno assicurato la prosperità e la sicurezza dell’Europa, affidandosi all’America per la sicurezza, alla Cina per l’export e alla Russia per l’energia — spiega Draghi — sono diventate insufficienti, incerte o inaccettabili».

Transizione verde e digitalizzazione

Per quanto riguarda le politiche di bilancio e in particolare il patto di stabilità e crescita, «tornare passivamente alle vecchie regole sospese durante la pandemia sarebbe il risultato peggiore possibile». Secondo Draghi l’Europa on ha né una strategia federale per finanziarli, né le politiche nazionali possono assumerne il ruolo, poiché le norme europee in materia fiscale e sugli aiuti di Stato limitano la capacità dei paesi di agire in modo indipendente. Perciò, «deve ora affrontare una serie di sfide sovranazionali che richiederanno ingenti investimenti in tempi brevi, tra cui la difesa, la transizione verde e la digitalizzazione». In assenza di un cambio di passo, vi è pertanto il «serio rischio» che l’Europa non raggiunga i suoi «obiettivi climatici, non riesca a garantire la sicurezza richiesta dai suoi cittadini e perda la sua base industriale a vantaggio di regioni che si impongono meno vincoli. Per questo motivo, tornare passivamente alle vecchie regole fiscali, sospese durante la pandemia, sarebbe il peggior risultato possibile».

Il quadro fiscale dell’Ue

La situazione dell’Eurozona contrasta nettamente con l’America, dove l’amministrazione di Joe Biden «sta allineando la spesa federale, i cambiamenti normativi e gli incentivi fiscali al perseguimento degli obiettivi nazionali», fa notare ancora l’ex premier. «La risposta dell’Europa alla pandemia ha riconosciuto questa nuova realtà — spiega —: è stato istituito un fondo da 750 miliardi di euro per aiutare gli Stati membri dell’Ue ad affrontare le transizioni verde e digitale. E una condizione politica necessaria affinché il quadro fiscale dell’Ue si sviluppi lungo linee più federali è che i paesi che ricevono questi fondi li utilizzino con successo».

Iscriviti alle newsletter di L’Economia

Whatever it Takes di Federico Fubini
Le sfide per l’economia e i mercati in un mondo instabile

Europe Matters di Francesca Basso e Viviana Mazza
L’Europa, gli Stati Uniti e l’Italia che contano, con le innovazioni e le decisioni importanti, ma anche le piccole storie di rilievo

One More Thing di Massimo Sideri
Dal mondo della scienza e dell’innovazione tecnologica le notizie che ci cambiano la vita (più di quanto crediamo)

E non dimenticare le newsletter
L’Economia Opinioni e L’Economia Ore 18

06 set 2023

© RIPRODUZIONE RISERVATA

, L’articolo originale è stato pubblicato da, https://www.corriere.it/economia/finanza/23_settembre_06/draghi-nell-eurozona-servono-nuove-regole-piu-sovranita-condivisa-449b6d5e-4cd1-11ee-ba13-a63742c0d94b.shtml, Economia, http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml, Redazione Economia,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *