Giugno 11, 2023

Inflazione da profitti e giganti «egoisti»: perché in Italia i prezzi non scendono

l’analisi

di Ferruccio de Bortoli

1/8

Il Grande Quesito

In attesa del 19 maggio, quando Moody’s — che prevedeva una nostra forte caduta in recessione — emetterà il suo giudizio sulla sostenibilità del debito italiano, ci si interroga sul perché l’inflazione italiana (in crescita all’8,3 per cento ad aprile per i prezzi al consumo) mostri un grado di resistenza così elevato. E perché in Italia fatichi a scendere più che altrove. L’energia e le materie prime costano di meno ma i prezzi alla produzione, seppur in leggera flessione dell’1,5 per cento a marzo, ne risentono ancora poco. A tutto vantaggio del leggendario mark up di cui si fregiano — ma non nella comunicazione alla clientela — tutti i capi azienda. Insomma, la domanda è una sola: c’è un’inflazione da troppi profitti? Non lo dice soltanto il segretario della Cgil, Maurizio Landini, ma lo afferma — seppur con toni diversi — persino Fabio Panetta, membro italiano della Banca centrale europea e probabile successore di Ignazio Visco in Banca d’Italia. E lo ha spiegato molto bene, in una lettura al Trinity College di Dublino, il suo collega irlandese, capo economista della Bce, Philip Lane.

1/8

09 mag 2023

© Riproduzione Riservata

, L’articolo originale è stato pubblicato da, https://www.corriere.it/economia/opinioni/cards/inflazione-continua-crescere-profitti-giganti-non-salari-l-analisi/grande-quesito_principale.shtml, Economia, http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml, Ferruccio de Bortoli,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *