Maggio 28, 2023

Dimagrimento localizzato, con l’esercizio fisico si possono asciugare zone specifiche del corpo?

di Cristina Marrone

Molte persone vorrebbero eliminare la pancetta con gli addominali ma poco controllabile decidere dove perdere peso. Attenzione a non esagerare: l’acido lattico ostacola lo smaltimento del grasso

Molte persone decise a perdere peso vorrebbero dimagrire in zone ben precise del corpo come ad esempio cosce, braccia, pancia. Sul web spopolano consigli e video tutorial per eliminare il grasso nelle aree pi problematiche. Tuttavia le prove che si possa in qualche modo pilotare dove dimagrire impegnandosi nell’esercizio fisico sono ancora oggi contrastanti. Il dimagrimento localizzato, conosciuto nei paesi anglofoni come spot reduction, una teoria in effetti non confermata in ambito scientifico.

Come consumiamo calorie

Tutte le calorie provengono dal cibo che mangiamo e dalle bevande che beviamo, ma solo una parte del dispendio energetico (quello che consumiamo) viene perso durante l’esercizio. Ci sono tre componenti principali per il dispendio energetico: il metabolismo basale, cio la quantit di energia necessaria per mantenere il corpo in funzione a riposo (scorrimento del sangue, respirazione dei polmoni, funzionamento del cervello), la termogenesi del cibo, cio la digestione del cibo e l’attivit fisica. In modo molto semplice, per perdere peso vanno consumate pi calorie di quelle che si introducono. Muovendosi un po’ di pi ogni giorno aumenta la spesa calorica, sebbene l’esercizio, in particolare quello blando come una camminata, pu far aumentare l’appetito. Per questo, per perdere peso il metodo pi efficace limitare l’apporto calorico: un corretto regime alimentare al risparmio molto pi efficace dell’esercizio fisico, che per, ben noto, fa bene per moltissimi altri motivi.

Dove si accumula il grasso

Ma dove effettivamente si dimagrisce qualcosa di difficilmente controllabile perch sono gli ormoni i registi che decidono dove i nostri corpi immagazzinano il grasso. La maggior parte delle persone tende ad accumulare il grasso in eccesso nell’addome , nelle cosce e nei glutei . Negli uomini questo meccanismo in genere porta a concentrare il grasso intorno all’ombelico (forma a mela). Nelle donne l’adipe concentrato sui fianchi e sui glutei (forma a pera). Tuttavia tipi e quantit di ormoni variano da persona a persona e questo pu influenzare il punto in cui viene immagazzinato il grasso. La genetica, la dieta e il livello di attivit fisica sono tutti fattori che concorrono nel determinare dove si deposita il grasso . Esattamente come non possiamo scegliere dove il nostro corpo immagazzina il grasso non possiamo scegliere dove perderlo commenta su The Conversation Christopher Gaffney, fisiologo all’Universit di Lancaster.

Quanto contano genetica, sesso, et

Quando si dimagrisce in genere il grasso cala nelle zone dove pi concentrato, a cominciare dall’addome, per poi passare alle gambe e alle braccia. Questo schema non per tutti uguale ma dipende dalla g enetica, dal sesso e dall’et, soprattutto per le donne. In molti sperano che esercitando un particolare gruppo muscolare si possa aumentare la perdita di grasso proprio in quella zona. Ad esempio con gli addominali l’idea di liberarsi del grasso sulla pancia. Stessa cosa con i glutei o le gambe. Nonostante anni di studio le prove che l’esercizio fisico contribuisca al dimagrimento mirato sono per ancora piuttosto incerte.

Che cosa succede quando si perde peso con l’esercizio

Quando si perde peso con l’esercizio il corpo scompone il grasso immagazzinato (il tessuto adiposo) in acidi grassi che entrano nel flusso sanguigno e arrivano ai nostri muscoli in movimento dove sono bruciati come carburante per l’esercizio. L’esercizio aerobico come il ciclismo o la corsa eseguito al 50-70% della nostra capacit massima di esercizio il modo migliore per bruciare i grassi.

Che cosa dice la scienza

In verit alcune ricerche, gi dagli anni Sessanta, sostengono che possibile ridurre il grasso corporeo nelle regioni in cui ci si esercita. Pi recentemente uno studio italiano del 2021 ha dimostrato che chi esegue addominali per 12 settimane pu ottenere un calo del grasso addominale rispetto a chi fa esercizi generici di resistenza che coinvolgono tutte le aree muscolari. Alcune indagini suggeriscono che le riserve di grasso nel corpo sono regolate da processi biochimici diversi. Questo significa che, almeno in teoria, la perdita di grasso corporeo pu essere mirata. Altre ricerche mostrano che il flusso sanguigno e la combustione dei grassi (lipolisi) maggiore nel tessuto adiposo vicino al muscolo che viene esercitato rispetto ai muscoli che non vengono utilizzati. La riduzione del grasso corporeo sarebbe quindi possibile, ma questo studio stato condotto su giovani maschi attivi e non chiaro se lo stesso effetto sarebbe possibile anche per altri gruppi di persone.

Lipolisi e grasso localizzato

Ma mentre alcuni studi hanno dimostrato che dimagrire a zone possibile, la maggior parte ha invece concluso che esercitarsi a zone non ha alcun effetto. Un aumento locale della lipolisi solo il primo dei molti passaggi necessari per spostare il grasso nel sangue dove pu essere utilizzato dai muscoli per produrre energia, portando infine alla perdita di peso. L’aumento locale della lipolisi non equivale quindi alla riduzione del grasso localizzato. Lavorare su un singolo gruppo muscolare tra l’altro coinvolge meno muscoli e brucia meno calorie rispetto ad esercizi per tutto il corpo ed quindi improbabile ottenere una perdita di peso complessiva conclude Christopher Gaffney.

Nel mondo reale

Il dimagrimento localizzato un tema dibattuto da anni – ricorda Gianfranco Beltrami, vice presidente della Federazione Italiana Medico sportiva -. Se i detrattori sostengono che il muscolo quando lavora non preleva come substrato energetico il grasso del tessuto adiposo sovrastante col quale non vi comunicazione ma ricava l’energia dal sangue o dai depositi presenti all’interno delle fibre muscolari, d’altro canto di comune osservazione nel mondo dello sport vedere atleti con aree del corpo pi magre nelle zone in cui i muscoli lavorano di pi. L’esempio tipico sono i ciclisti amatoriali che presentano gambe magrissime e ben definite e magari un po’ di pancetta. Ma perch succede? La ragione di questo fenomeno – aggiunge Beltrami – da imputare prevalentemente allo stimolo circolatorio indotto dall’allenamento, che favorisce l’afflusso di ormoni lipolitici ( l’adrenalina e catecolamine ) che stimolano la mobilizzazione e il consumo del grasso. Da non sottovalutare anche un aumento della termogenesi, vale a dire del calore localizzato nelle zone in cui i muscoli lavorano .

Che cosa fare (e non fare) per favorire il dimagrimento localizzato

Che cosa si pu per fare concretamente per facilitare il dimagrimento localizzato? Nella pratica dell’esercizio fisico, per agevolare il dimagrimento localizzato, bisogna favorire la circolazione del sangue in tutto l’organismo. Vanno alternati esercizi nella zona interessata dall’accumulo adiposo con altri esercizi in zone anche distanti – suggerisce il medico sportivo – evitando di insistere per tempi lunghi e con elevate intensit di carico sulle zone in cui si richiede il dimagrimento in quanto l’accumulo di acido lattico favorisce l’ acidosi e il ristagno venoso e di conseguenza un possibile rallentamento circolatorio che ostacola lo smaltimento del grasso. Fondamentale ovviamente associare all’ attivit fisica una alimentazione corretta moderatamente ipocalorica e disintossicante ed utile praticare attivit fisica a digiuno quando le riserve di glicogeno sono gi state in massima parte utilizzate, cos da ricorrere pi precocemente all’utilizzo dei grassi come fonte energetica. Un’ultima avvertenza: gli esercizi tonificano i muscoli, ma la massa muscolare pi pesante della ciccia: a parit di volume il muscolo pesa di pi quindi la stessa persona sar pi pesante dopo allenamenti che scolpiscono i muscoli, se il volume non cambia.

19 gennaio 2023 (modifica il 19 gennaio 2023 | 09:34)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

, 2023-01-19 08:35:00, Molte persone vorrebbero eliminare la pancetta con gli addominali ma è poco controllabile decidere dove perdere peso. Attenzione a non esagerare: l’acido lattico ostacola lo smaltimento del grasso, Photo Credit: , Cristina Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *