Dicembre 9, 2022

Top runner Firenze Marathon, tra questi c’è il vincitore 2022

FIRENZE – Una decina di uomini e altrettante donne pronti a darsi battaglia sulle strade di Firenze. Africa che ovviamente la fa da padrona.

Tra gli uomini vi sono 3 dal Kenya, 2 etiopi, 1 del Bahrain, 2 dal Marocco e 1 dal Rwanda. Al femminile è già dominio etiope con ben 5 atlete, mentre 2 arrivano dal Kenya e una dal Rwanda e una dall’Ucraina.  

GLI UOMINI – Al maschile, il record del percorso da battere è quello del kenyano James Kutto che detiene il primato dal 2006 con un ottimo 2h08’40”.

Sulla carta, ben cinque dei top runner in gara hanno questa possibilità e che hanno un primato personale sotto le 2h10’. Leader di misura l’etiope Dejene Gonfa Debela, già abituato agli onori dopo la vittoria della maratona di Xiamen del 2018 e che vanta un primato personale di 2h05’46”, crono con il quale ha guadagnato il secondo gradino del podio della maratona di Chicago nel 2019.

Nella ipotetica scala di valori, troviamo poi il keniano Robert Kwemoi Chemosin con il primato di 2h08’05” fatto segnare a Varsavia nel 2015 quando ha firmato un autorevole secondo posto cui è seguita la vittoria della Vienna City Marathon nell’anno successivo, e poi l’etiope Fikadu Debele Kebede che, dopo la vittoria della maratona di Rabat nel 2017, ha fermato il cronometro a 2h08’27” a Dubai nel 2019 che vale ancora oggi come suo record personale.

Pettorale 1 per il bahreinita Abdi Ibrahim Abdo, quest’ultimo ha fatto segnare il suo personal best proprio in Italia, alla maratona di Roma del 2018 quando ha guadagnato la medaglia d’argento tagliando il traguardo in 2h08’32”.

Più staccato il keniano Samuel Lomoi che però ha dalla sua l’aver già corso sulle strade di Firenze e torna, dopo un anno, per migliorare il secondo posto del 2021, quando aveva chiuso le sue fatiche in 2h09’54” che valgono il primato personale. Superfluo dire che punta alla vittoria finale. Lomoi nel 2019 ha vinto anche la Maratona di Padova.

Chiude le fila dei migliori in gara il connazionale David Kipkorir Rono, di recente al primato personale alla maratona di Bregenz quando è salito sul terzo gradino del podio dopo aver concluso la gara in 2h11’58”.

Il migliore italiano in lista di partenza risulta essere Andrea Soffientini con un primato di 2h22’29” fatto proprio a Firenze Marathon un anno fa.

LE DONNE – Per le donne, più difficile ma non impossibile il compito di attaccare il primato della olimpica Lonah Chemtai Salpeter che nel 2018 lo ha abbassato di ben quattro minuti rispetto al precedente portandolo a 2h24’16”. Un crono che potrebbe essere limato dalla stella etiope Tesema Atsede Bayisa, tre volte vincitrice di una Major Marathon (Chicago 2010 e 2012, Boston 2016), finalista ai campionati mondiali di mezza maratona del 2007 e argento ai campionati africani di mezza maratona. Nelle sue gambe lo splendido primato di 2h22’03”, fatto segnare proprio con la vittoria della maratona di Chicago del 2012.

A contenderle la vittoria la keniana Rodah Tanui Jepkorkir, capace della vittoria della maratona di Buenos Aires nel 2019 quando ha fatto segnare il suo primato personale di 2h25’46”. Una manciata di secondi la separa dalle etiopi Dubiso Mesera Hussen, vincitrice della maratona di Dublino del 2018 ma che poi si è migliorata nettamente per andare a guadagnare il secondo posto alla Xiamen Marathon del 2020 firmando il suo personal best di 2h26’28” e Fetale Tsegaye Dejene al primato personale e alla vittoria nell’ultima edizione della maratona di Saragozza con il crono di 2h26’40” e anche già sul podio a Firenze nel 2017 quando si è classificata terza con 2h32’05”. Ancora Etiopia con Genet Habela Abdurkadir che proverà a migliorare il suo 2h29’22” che le è valso la vittoria della maratona di Annecy nel 2019.

Ancora Etiopia con Medhin Gebreslassie con un buon 2h30’12” quale personal best firmato a Shenzen nel 2019. Al debutto la keniana Irene Birgen

Pettorale anche per la rwandese Clementine Mukandanga vincitrice alla Maratona di Reggio Emilia nel dicembre 2021 con tanto di primato personale 2h30’16” e della Notturna di San Giovanni a Firenze edizione 2019.

Europa principalmente rappresentata dall’ucraina con la valida Tetyana Gamera che a Cracovia nel 2011 vinse la maratona in 2h28’14”. L’anno scorso fu presente alla Firenze Marathon e si piazzò 8^ in 2h37’56” mentre per l’Italia la migliore in gara è Denise Tappatà primato personale di 2h45’45” fissato alla Maratona di Treviso che ha vinto in questa primavera 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *