Dicembre 9, 2022

Pnrr, le prime stime del governo: rischio fattibilità per 40 miliardi di opere

Pnrr, Mattarella: “Appuntamento che Italia non può eludere

2′ di lettura

Il governo continua il lavoro di monitoraggio «in profondità» sullo stato dell’arte dei progetti e degli investimenti previsti dal Pnrr e cominciano a maturare le prime stime sulle opere che potrebbero rivelarsi irrealizzabili entro il termine ultimo del giugno 2026. Ci sarebbero, in base a queste stime, almeno 40 miliardi di investimenti ad altissimo rischio sui 220 miliardi finanziati dal Pnrr e dal Fondo nazionale complementare.

I versanti più a rischio

Le infrastrutture ferroviarie e di telecomunicazioni e i progetti affidati agli enti locali sono i tre versanti più esposti al rischio di allungamento dei tempi oltre il confine Pnrr, anche perché il quadro autorizzativo che sta emergendo non rasserena affatto.

Report ministeriali pieni di criticità

I report ministeriali di questi giorni sono pieni di «criticità» che derivano dai più disparati fattori: «imprevisti di natura geologica», emersione di «numerosi reperti/siti archeologici», «difficoltà connesse con interferenze», «decreto Mite-Mic di compatibilità ambientale non ancora pervenuto», «slittamento di lotti inizialmente previsti in completamento entro il 2026», assenza di «autorizzazione paesaggistica», «difficoltà riscontrate nella fornitura dei materiali», «allungamento dei tempi di realizzazione per ritrovamento di reperti archeologici», «problematica relativa a prescrizioni ambientali contrastanti», «ulteriori integrazioni/modifiche progettuali richieste dalla Sovrintendenza speciale», «incrementi di costo in esito allo sviluppo del Piano di fattibilità tecnica ed economica».

L’aumento del costo dei materiali

A queste criticità autorizzative e procedurali – che si confermano ancora una volta il principale “male italiano” nonostante i decreti legge semplificazioni e le corsie speciali varati negli ultimi due anni – si aggiungono le difficoltà create al timetable del Pnrr dallo slittamento di gare in seguito all’aumento dei costi dei materiali. Nel 2022 è stata affrontata l’esigenza di aggiornare i listini e poi i prezzi delle singole componenti delle singole opere, per poi far ripartire le gare.

Scopri di più

Proprio sulla decine di gare in corso o in arrivo si sta giocando infatti un’altra partita fondamentale per la sopravvivenza del Pnrr: il mancato rispetto dei termini per le aggiudicazioni – in gran parte previste entro il primo trimestre 2023 – creerebbe un’ulteriore zavorra al Pnrr.

, 2022-11-24 12:39:00, Infrastrutture ferroviarie, tlc e progetti affidati ai comuni i settori in ritardo maggiore. Nei report ministeriali decine di criticità e d’imprevisti: archeologia, compatibilità ambientale, paesaggio, interferenze, slittamenti, di Giorgio Santilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *