Dicembre 8, 2022

Erc starting grants 2022, non solo fuga dei cervelli: ora i laboratori italiani attraggono ricercatori stranieri

I giovani ricercatori italiani si confermano un’assoluta eccellenza internazionale. Anche nell’ultima tornata di finanziamenti europei per la ricerca – gli Erc starting grants destinati a premiare chi ha finito il dottorato al massimo da 7 anni – i giovani scienziati nostrani sono secondi solo ai tedeschi. In palio in tutto ci sono 636 milioni di euro da suddividere fra 408 progetti di ricerca provenienti da tutto il mondo: l’importo medio è di 1,5 milioni. Peccato che, mentre la Germania trattiene la maggior parte dei talenti in casa propria, l’Italia ne regali la metà ai laboratori stranieri. Risultato: il nostro Paese si classifica solo al sesto posto come destinazione finale dei fondi europei. Conseguenza inevitabile del sotto finanziamento cronico della ricerca in Italia: in rapporto al Pil spendiamo l’1,4%, contro l’1,7% del Regno Unito, il 2,2% della Francia, il 3,1% della Germania.

22 novembre 2022 | 17:33

(©) RIPRODUZIONE RISERVATA

, 2022-11-23 20:28:00, Se è vero che i finanziamenti europei per la ricerca premiano gli italiani (secondi solo ai tedeschi) ma metà di essi lavora all’estero, quest’anno su 27 progetti vinti dall’Italia, quattro sono in capo a ricercatori stranieri che hanno scelto di condurre i loro studi in un laboratorio nostrano, Photo Credit: , Orsola Riva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *