Novembre 29, 2022

Top 500 Trieste, il capitale umano risorsa strategica – Nordest Economia

«Fincantieri laboratorio del Sistema Paese per fare ripartire l’economia e la sua manifattura industriale. L’Italia deve valorizzare la sua impresa e la grande creatività dell’ingegno italiano»: l’amministratore delegato di Fincantieri, Pierroberto Folgiero e il governatore della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga, sono stati fra il protagonisti dell’appuntamento Top 500 ospitato al Molo IV del porto il 23 novembre a Trieste.

In dialogo con la direttrice del Piccolo Roberta Giani il numero uno del colosso cantieristico ha espresso ancora una volta il suo disappunto per la fuga del colosso industriale Wartsila da Trieste dicendosi pronto a partecipare a un progetto di reindustrializzazione dell’area: «Fincantieri non produce motori ma potrebbe partecipare ad accordi commerciali o sviluppo di prodotti funzionali e innovativi. Facciamo parte di un ecosistema industriale e se si crea una realtà italiana vicina alla Fincantieri, noi siamo pronti a partecipare ma come partner commerciale, come grande cliente, come compagno di viaggio nella ricerca e sviluppo».

Pierroberto Folgiero, Massimiliano Fedriga e Roberta Giani

 

Fedriga ha promosso la legge di bilancio del governo Meloni («alcuni passaggi come la riduzione Iva delle accise sui carburanti sono importanti») anche se – ha aggiunto –  «non ci sono manovre di carattere strutturale». Fedriga in particolare ha lamentato l’insufficienza della politica energetica europea: «Il tetto al prezzo del gas è fuori da ogni logica e premia la speculazione».

Il Governatore Fvg ha poi annunciato che nella prossima legge di stabilità regionale saranno previsti investimenti per la transizione energetica.

Parte del pubblico presente all’evento Top 500 a Trieste

 

Top 500 Fvg analizza gli scenari futuri e le sfide che attendono la classe imprenditoriale (giovedì 24 novembre uscirà un fascicolo in edicola con il Piccolo). Realizzato da Nordest economia – hub economico dei quotidiani Gedi – con PwC Italia, Fondazione Nord Est, Università di Padova e Ca’ Foscari di Venezia, è stato al centro dell’evento triestino.

E’ stato un 2021 brillante per le imprese del Friuli Venezia Giulia che hanno messo a segno ottime performance di crescita come emerge dai bilanci analizzati. Silvia Oliva ricercatrice senior della Fondazione Nordest e Manuel Forte e Giorgio Simonelli, partner di Pwc Italia hanno raccontato un ottimo 2021 per l’economia della regione, al centro del forte rimbalzo post-pandemia che ha coinvolto l’intera economia globale, registrando ricavi aggregati consolidati pari a 52 miliardi, +38,8% rispetto al 2020.

Di rilievo in particolare le performance del porto di Trieste.

Parte del pubblico presente all’evento Top 500 a Trieste

 

L’89% delle Top 500 ha registrato un incremento dei ricavi, il 74,2% ha registrato una crescita dei ricavi maggiori del 10% e addirittura il 53% ha registrato una crescita maggiore del 20%. «Anche la profittabilità è stata buona – ha sottolineato Oliva – segnalata in incremento per oltre il 50% delle imprese».

Maria Raffaella Caprioglio, presidente di Umana, è intervenuta sulla “Questione dei talenti”.

A seguire sono intervenuti i protagonisti delle imprese del territorio, moderati da Roberta Paolini, giornalista di Nordest Economia: Michela Cecotti, amministratore unico di Sultan, Enrico Samer, presidente e amministratore delegato d di Samer & Co Shipping, e Francesco Stanislao Parisi, presidente della Francesco Parisi Casa di Spedizioni hanno tracciato un quadro sulle strategie di sviluppo del porto di Trieste. Le conclusioni sono state affidate a Michelangelo Agrusti, presidente di Confindustria Alto Adriatico con le previsioni sugli scenari per il 2023.

, 2022-11-23 17:51:00, Top 500 Trieste, il capitale umano risorsa strategica  Nordest Economia,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *