Settembre 29, 2022

Ridurre l’inquinamento derivante dalle frenate dei veicoli, Brembo al lavoro – L’Eco di Bergamo

Economia / Bergamo Città
Giovedì 22 Settembre 2022

L’idea. Il progetto si chiama «Re-Breath» e l’obiettivo è un impegno condiviso per una mobilità urbana sostenibile.

Si chiama «Re-Breath», acronimo di «REduction of Brake weaR Emissions in the Transport sector», ed è un ambizioso progetto di ricerca congiunta nell’ambito della mobilità urbana sostenibile che si è aggiudicato un finanziamento europeo dal programma Life2021 della Commissione Europea dedicato all’ambiente e alla natura. In particolare, il progetto ha risposto alla call «Life-2021-SAP-ENV» con l’obiettivo di contribuire alla transizione verso un’economia più sostenibile e alla tutela e al miglioramento della qualità ambientale.

Il progetto – lanciato nel pomeriggio di giovedì 21 settembre negli spazi del KilometroRosso – è coordinato da Brembo, leader mondiale nello sviluppo e nella produzione di sistemi frenanti, e coinvolge partner di rilievo del settore pubblico e privato, come il Comune di Bergamo, che da tempo promuove e sostiene iniziative sia locali sia internazionali su tematiche di sostenibilità; il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), Arriva Italia S.r.l. e Arriva Slovakia a.s..

La sfida è migliorare la conoscenza delle emissioni di micro particelle non di scarico generate dai sistemi frenanti dalla mobilità del Trasporto Pubblico Locale; valutare il loro impatto sulla qualità di vita delle persone e sull’ambiente e, infine, progettare e sviluppare un sistema frenante per autobus innovativo e più rispettoso dell’ambiente oltre che intervenire con opere di mitigazioni green.

Nuovo sistema frenante con Brembo

Brembo svilupperà e testerà un nuovo sistema frenante che verrà installato su autobus Arriva nelle città di Bergamo e Bratislava, al fine di rilevare le emissioni e l’usura del sistema. Inoltre, l’azienda proporrà delle linee guida e un’analisi di mercato del prodotto che contribuiranno al monitoraggio e al miglioramento del Life Cycle Assessment, sia sul processo produttivo sia sui materiali impiegati.

Uno studio, quindi, che possa consentire di sviluppare le conoscenze necessarie a ridurre le emissioni di agenti inquinanti nell’aria in concomitanza delle fermate del trasporto pubblico: lo studio dovrà individuare non solo le possibili migliorie in tal senso, ma anche realizzare eventuali piantumazioni di piante e arbusti «mangia-smog», capaci, cioè, di assorbire la CO2 contribuendo a migliorare le condizioni dell’aria per le persone in attesa dei mezzi del trasporto pubblico.

Brembo svilupperà e testerà un nuovo sistema frenante che verrà installato su autobus Arriva nelle città di Bergamo e Bratislava, al fine di rilevare le emissioni e l’usura del sistema

Il progetto «Re-Breath» non solo intende misurare e dimostrare la riduzione delle emissioni di PM10, relative all’impianto frenante degli autobus alle fermate ed in altri hot-spot, ma anche sostenere le autorità nazionali nella stima delle emissioni non di scarico (da calcolare nell’inventario delle emissioni EMEP/SEE, secondo Direttiva 2016/2284/CE), dimostrare la diminuzione del tasso di usura del freno e il conseguente aumento della durata del sistema frenante rispetto a soluzioni tradizionali, contribuendo alla costruzione di modelli più sostenibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

, 2022-09-22 15:59:00, Ridurre l’inquinamento derivante dalle frenate dei veicoli, Brembo al lavoro  L’Eco di Bergamo,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.