Dicembre 8, 2022

Tensione sui dazi fra Europa e USA: Mattarella chiede un confronto collaborativo a Trump

Il Presidente americano: gli Usa “valuteranno attentamente” le rimostranze dell’Italia

Incontro alla Casa Bianca tra il capo dello Stato, Sergio Mattarella, e il presidente americano Donald Trump, che si è detto onorato di ricevere un uomo “molto rispettato” come il presidente della Repubblica italiana: “I rapporti con l’Italia sono ottimi, non sono mai stati così buoni”. Strette di mano per i fotografi, sorrisi ma poi il confronto sui temi centrali: dazi commerciali, Nato, offensiva turca in Siria e persino Russiagate.  

La questione dazi Nel corso del colloquio tête-à-tête nello studio Ovale con il presidente Usa, Mattarella ha chiesto, d’ora in poi, un confronto collaborativo tra i due paesi sulla questione dei possibili dazi: “Mi auguro che si possa trovare un metodo di confronto collaborativo.

Per l’Italia è preferibile incontrarsi subito e trovare una soluzione tenendo conto delle esigenze di entrambi. Imporre dazi rischia di mettersi su una strada che ci costringerà a trovare un punto di intesa in ogni caso”, quindi “meglio trovarlo subito”. Il via libera del Wto – Organizzazione mondiale del commercio – alle sanzioni Usa per 7,5 miliardi di dollari contro l’Unione europea potrebbe costerà all’Italia oltre un miliardo di euro.

A pagare il conto più salato rischia di essere il settore agroalimentare, sopratutto vini, formaggi, pasta, olio extravergine di oliva e agrumi. Ecco perché il presidente Mattarella chiede che l’eventuale provvedimento “non sia ritorsivo”. Trump: pronti a prendere in considerazione le rimostranze dell’Italia Pronta la risposta di Trump: “L’Ue non dovrebbe fare ritorsione contro gli Usa dopo la decisione del Wto sugli aiuti ad Airbus”, con Bruxelles accusata di aver concesso aiuti illegali al costruttore di aeromobili.

Il tycoon si è dimostrato però favorevole a prendere in considerazione le rimostranze dell’Italia, che ritiene di essere stata eccessivamente penalizzata dai dazi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *