Novembre 29, 2022
Senza categoria

Dispersione scolastica, quali soluzioni?

Partecipa al webinar gratuito di Tuttoscuola oggi, 18 aprile

Dopo il seguitissimo seminario online su “Creatività e Scuola digitale” dell’11 aprile (si può visionare gratuitamente a questo link https://www.tuttoscuola.com/come-alimentare-la-creativita-degli-alunni-grazie-alla-tecnologia-partecipa-al-webinar-gratuito-di-domani-11-aprile/), continua il nuovo ciclo di webinar gratuiti di Tuttoscuola su alcune tra le più importanti questioni che riguardano il mondo della scuola. Il prossimo appuntamento è per mercoledì 18 aprile.

Gli ingredienti di questo nuovo ciclo sono confermati: temi trasversali e attuali, di interesse di tutti; relatori molto qualificatisinteticità (durata di un’ora, massimo un’ora e mezza); totale gratuità; rilascio di attestato di partecipazione.

Argomento del giorno “Dispersione scolastica: quali soluzioni?”,presentato da Sergio Govi della redazione della rivista e coautore del dossier sulla dispersione scolastica che da anni Tuttoscuola pubblica con aggiornamenti continui. Clicca qui per iscriverti gratuitamente al webinar del 18 aprile alle ore 17.00

Nell’ultimo decennio 1,8 milioni di studenti hanno lasciato la scuola statale secondaria superiore. Numeri da guerra mondiale che delineano un fenomeno che ogni anno indebolisce il corpo sociale del paese e ne riduce la capacità di competere come sistema nazionale nella società della conoscenza.
Cosa si può fare sul territorio? Quali azioni preventive e di recupero si possono attivare nelle scuole? Quali i punti di attenzione da considerare in ogni classe?

Il relatore tratterà la complessa questione attraverso quattro passaggi essenziali: riflessione sulle possibili cause del problema; conoscenza e analisi dei dati generali e locali; azioni di prevenzione del fenomeno; azioni per contrastare questa emorragia che indebolisce il Paese.

Verranno analizzate proposte per interventi di livello nazionale e suggerimenti per le azioni d’istituto.

Non mancherà uno sguardo alla situazione degli altri Paesi dell’Unione impegnati, come l’Italia, a ridurre la dispersione in termini significativi entro il 2020; un confronto per capire quanto e come le azioni di prevenzione e contrasto messe in atto dall’Italia stanno conseguono effetti in linea o meno con gli altri Paesi dell’Unione.

Fonte dell’articolo: Tuttoscuola.com



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *